theracingtribune.it
Lunedì 21 Aprile 2014
VELA
RIUSCIRÀ MARQUEZ HA CONQUISTARE IL MONDIALE MOTOGP A MOTEGI?
  
  

Daily Network
© 2014
VELA

Red Bull Youth America's Cup: giovani velisti crescono

18.05.2012 00:07 di Giuliano Luzzatto  articolo letto 467 volte
Il catamarano AC45 con i colori della Red Bull Youth America's Cup presentato oggi a Venezia
Il catamarano AC45 con i colori della Red Bull Youth America's Cup presentato oggi a Venezia

Venezia -  Questa volta Red Bull le ali le mette davvero, e saranno quelle vele alari di catamarani AC45. La Red Bull Youth America’s Cup, presentata oggi a Venezia e a San Francisco, darà infatti modo ai velisti più giovani di acquisire l'esperienza necessaria per diventare protagonisti di un team di America’s Cup. Le regate si svolgeranno tra agosto e settembre 2013 a San Francisco durante della 34ma America’s Cup,a bordo degli avveniristici e velocissimi AC45, gli stessi utilizzati oggi per le America’s Cup World Series. La Red Bull Youth America’s Cup è aperta a dieci team, con un massimo di uno per nazione, composti da sei velisti di età compresa tra i 19 e i 23 anni. Ogni membro dell’equipaggio dovrà essere in regola con i requisiti di nazionalità. Si torna così al team nazionale che tanto aiuta il pubblico a identificarsi nella propria bandiera, si offre una grande opportunità ai giovanissimi senza dimenticare l'aspetto business: infatti gli AC45 continuano la loro vita una volta varati gli AC72 e al contempo la 34ma America's Cup guadagna un evento di contorno dal grande valore. Ricordiamo che al momento solo quattro team saranno a San Francisco: il Defender Oracle, e gli sfidanti Artemis, ETNZ e Luna Rossa. L’evento godrà dei benefici derivanti dalla piattaforma di comunicazione esistente, inclusa la copertura televisiva, web e mobile. 

“Credo che questa sia una delle novità più entusiasmanti introdotte nell’America’s Cup da molto tempo a questa parte” ha detto James Spithill di ORACLE TEAM USA che, nel 2010, a soli 30 anni, è diventato il più giovane skipper ad aver vinto la Coppa America. “Riuscire a entrare nel giro dell’America’s Cup è molto dura. Io sono stato molto fortunato ad avere una possibilità quando avevo 19 anni con Young Australia, un team che mi ha dato la possibilità di farmi notare. Credo sia giunto il momento di dare ad altri le stesse opportunità: è ora di modificare le tradizioni e aprire le porte ai più giovani, invece di ostacolarne l’ingresso nel giro che conta”.


Altre notizie - Vela
Altre notizie
 

LA F1 NON È LA REPUBBLICA DELLE BANANE. E LA FERRARI PIANGE AMARO

Solo tre gare e già la situazione sembra compromessa anche per il 2014, perfino peggio rispetto agli inizi degli ultimi anni, quando la Red Bull, presto o tardi, prendeva il largo.  La primavera è purtroppo infatti già amara come i risultati delle ros...

MINARDI: "COSA NASCONDE IL CAPPELLO MAGICO DI VETTEL E NEWEY?"

Aspettando di vivere il Gran Premio di Korea, quattordicesima tappa del Mondiale di Formula 1, voglio tornare con la mente e ...

I TEST DEL BAHREIN VISTI DAL GOMMISTA

Pirelli ha completato il primo test in season, usando le attuali monoposto di Formula Uno: una novità rispetto al...

ALLA C E ALLA GLA IL DESIGN TROPHY DI AUTO ZEITUNG

I lettori della rivista specializzata “Auto Zeitung” per ben tre volte hanno decretato il successo del design Ste...

A PECHINO L'ANTEPRIMA MONDIALE LEXUS NX

Lexus svelerà al prossimo Salone di Pechino il nuovo crossover NX Hybrid.  Sviluppato sul concept LF-NX, NX Hy...

IL MUSEO FERRARI INAUGURA LE NUOVE STRUTTURE

Il prossimo 11 aprile verranno inaugurate a Maranello le nuove strutture per l’accoglienza turistica, del piazzale...

MAST WALK, UNA NUOVA MANIA?

Come non ammirare Alex Thomson, provetto navigatore oceanico, sia per la trovata che per la realizzazione? Insomma, la str...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 21 Aprile 2014.
   Editore: Alex D'Agosta Norme sulla privacy