Toyota Venza My 2013, il mini SUV è stato ritoccato

 di Renato Chieppa  articolo letto 1377 volte
La Toyota Venza My 2013
La Toyota Venza My 2013

Fra hybrid engine, World Endurance Championship e sogni di ritorno ai rally in Toyota hanno anche il tempo di pensare a coltivare il loro mercato. Ironia a parte è stato presentato, al 112mo Salone dell’auto di New York, la Venza My 2013, remake accennato del mid-size crossover che si produce negli States da circa un quinquennio.

I ritocchi. Pochi ma buoni. Questo SUV compatto, che si assembla nel Kentucky, non ha avuto troppo bisogno del bisturi. Modificati in particolare i gruppi ottici, sia nell’anteriore sia nel posteriore, con calandra argentea, fendinebbia “more style” e proiettori più tecnologici. Invariate forme e dimensioni; tre invece sono le inedite tinte della carrozzeria proposte alla clientela: Attitude Black, Cypress Pearl, e Cosmic Gray Mica. Nuovi anche i cerchi da 19”. All’avanguardia sul piano tecnologico, la Venza 2013 version è dotata del sistema “Entune”: grazie al collegamento bluetooth fra smartphone e auto, ci sono diverse app specifiche a disposizione del guidatore (come ad esempio la situazione del traffico e le previsioni meteo).

I motori. Confermati i propulsori della versione precedente: dal 4 cilindri 2,7 litri da 181 CV fino ad arrivare al 3.500 V6 da 268 CV (top della gamma). Tutti i motori sono dotati del VVT-i, il sistema di fasatura variabile delle valvole. Per quanto concerne la trazione a discrezione si può scegliere fra quella anteriore o l’integrale.

Unico dato negativo, visto il mercato d’appartenenza, è che difficilmente questo SUV, made in Georgetown, sarà visibile sulle nostre strade, turisti americani a parte.