Pedrosa pronto per Misano. Sguardo al Mondiale

 di Luca Cinquanta  articolo letto 423 volte
Daniel Pedrosa
Daniel Pedrosa

Terzo successo stagionale e distacco dalla vetta ridotto a tredici lunghezze per Daniel Pedrosa, trionfatore degli ultimi due appuntamenti disputati e pienamente lanciato alla rincorsa del rivale Jorge Lorenzo, attuale leader della classifica generale con 245 punti ottenuti sino ad oggi.

"Abbiamo tenuto un ritmo infernale ed è stato faticoso per entrambi poi l'ultimo giro è stato magnifico. Sono vittorie che danno morale ed ora serve continuare a lavorare su questa strada per puntare a qualcosa di importante".

Un titolo mondiale mai conquistato da Daniel Pedrosa, iridato nelle classi minori ma mai in MotoGP, ed a cui Honda pensa intensamente, sperando di riuscire a bissare la stagione scorsa quando Casey Stoner si mise tutti alle spalle, a partire dal maiorchino della Yamaha.

"Il team mi ha messo a disposizione alcune novità interessanti per poter migliorare il livello della competitività della mia moto. Serve concentrazione ed io devo continuare a guidare come negli ultimi due round. Quest'anno non si può sbagliare nulla".

Sei appuntamenti ancora da disputare, passando da Misano Adriatico fino al tracciato di Valencia, sono molti ed il distacco fra i due piloti in lotta è esiguo, solamente tredici punti, il che premette una lotta senza sosta.

"Dobbiamo rimanere concentrati ed impegnarci sulla messa a punto della moto in ogni weekend. Jorge Lorenzo e Yamaha sono veramente forti e qui abbiamo lottato duramente sino al traguardo. La M1 è migliore in centro curva mentre la mia Honda si distingue in frenata. Sarà veramente dura".

Una battaglia destinata ad esaltare gli appassionati e gli addetti ai lavori, una rivalità fra connazionali che si sono già scontrati numerose volte nel corso delle loro carriere: ecco il duello fra Jorge Lorenzo e Daniel Pedrosa.