Lorenzo: "Spies contro Dorna? Non gli fa onore"

 di Luca Cinquanta  articolo letto 612 volte
Jorge Lorenzo - Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo - Yamaha Factory Racing

Alla vigilia del Red Bull U.S. Grand Prix, in programma fra le curve del tracciato di Laguna Seca, Jorge Lorenzo ha rilasciato dichiarazioni contrapposte alle critiche mosse da Ben Spies nei confronti della Dorna.

L'americano della Yamaha, pronto ad abbandonare la classe regina al termine della stagione in corso, si è affiancato all'australiano Casey Stoner, esprimendo il suo pensiero sull'ambiente della MotoGP e ricevendo una secca risposta dal compagno di scuderia.

"Andare contro un mondo che gli ha consentito un ottimo futuro economico, permettendogli una vita migliore, non ha certo fatto onore ai miei colleghi. Dorna ha dato molto a tutti e due e le loro critiche mi sembrano ingiuste ed inappropriate. Un brutto gesto da parte loro".

Jorge Lorenzo non fa giri di parole, come ormai ci ha abituato da tempo, schierandosi contro Ben Spies e Casey Stoner, evidenziando il ruolo dell'organizzazione nella crescita del movimento della MotoGP.

"Dorna arrivò nel 1993 ed ha offerto una crescita costante al campionato sia in ambito di sicurezza sia per quanto riguarda immagine ed introiti. Il mio desiderio, al contrario di certi miei colleghi, è rimanere qui il più possibile e sono in disaccordo con loro. Anche la loro popolarità la devono a Dorna ed al Motomondiale, nonostante Ben Spies abbia un ottimo passato in Superbike".

Entrambi certi di non partecipare alla prossima stagione in MotoGP, uno per scelta personale l'altro per decisioni altrui, l'australiano e l'americano hanno trovato in Jorge Lorenzo una risposta dura che ha riportato alla luce i guadagni, di vario genere, derivanti dall'ambiente della MotoGP.

Lo spagnolo, attualmente in forza alla Yamaha, ha espresso il suo pensiero che segue il detto popolare secondo cui non si sputa nel piatto in cui si mangia ed, a fronte di un periodo di crisi economica per gli appassionati che li seguono, non sembra aver molto torto.