Ducati minaccia: niente Superbike nel 2013

 di Luca Cinquanta  articolo letto 2048 volte
Carlos Checa
Carlos Checa

Nel corso delle due manche valide per il Gran Premio della Germania, disputate lo scorso weekend sul tracciato del Nurburgring, sfruttando il mezzo televisivo, gli uomini della Ducati hanno alzato la voce, lanciando una minaccia che potrebbe divenire realtà.

Dopo gli ennesimi riscontri dalla pista, la Casa di Borgo Panigale inizia seriamente a prendere in considerazione l'ipotesi di mollare il Mondiale Superbike a fine stagione per colpa di un regolamento visto come una restrizione ingestibile e troppo penalizzante..

L'avventura con la 1098R si concluderà a Magny-Cours ed il nuovo modello, la 1199 Panigale, si presenta molto potente e leggero, binomio inadatto alle norme in vigore nell'attuale campionato dedicato alle derivate dalla serie.

Gli obblighi sarebbero numerosi a partire dall'aumento del peso, ora nettamente incisivo sul calo prestazionale della Ducati rispetto allo scorso anno, passando dagli air restrictor.

Intanto la Superbike Commission sta analizzando il regolamento puntando proprio sul peso, pronta ad andare incontro alla Casa di Borgo Panigale che, in caso di cambiamento, oltre ad ufficializzare Carlos Checa, si preparerà per il 2013, ma serve attendere sino al round di Magny-Cours, in programma il 7 ottobre.

Le bicilindriche italiane, presenti nella categoria dal 1988, anno di nascita della competizione, rimangono una presenza importante sia per quanto riguarda i numeri, visto che solo in Germania otto moto su 24 erano delle 1098R, sia per l'immagine del campionato, con il marchio nostrano che porta numerosi appassionati e che ne ha fatto la storia.