VERSIONE MOBILE
theracingtribune.it
Venerdì 31 Ottobre 2014
INDY / USA
CHI CONQUISTERÀ LA POLE POSITION DEL GP ARAGÒN?
  
  
  
  
  
  
  

INDY / USA

Pantano in Indy: "AAA cercasi volante"

Il pilota ex F1 è in America alla ricerca di una squadra. "Ho conosciuto una persona molto appassionata, vedremo..."
24.04.2012 09:30 di Renato Chieppa  articolo letto 843 volte
Giorgio Pantano, attualmente negli Usa a caccia di un team
Giorgio Pantano, attualmente negli Usa a caccia di un team

Archiviata la passata (e poco fortunata) stagione con la Dreyer&Reinbold Giorgio Pantano è ora alla ricerca di un nuovo sedile nella IndyCar Series.

Ritornato negli States a febbraio, attualmente si trova “in appoggio” presso l’amico e collega E.J. Viso della KV Technology. Grazie infatti a questa base logistica il pilota padovano può seguire costantemente in presa diretta il campionato e quindi cercarsi una squadra che voglia puntare su di lui.

In quest’ottica l’ex Jordan spiega, in un’intervista rilasciata ad Autosprint, il suo momento: “Ho parlato con tutti i team, cercando di capire le singole situazioni. Molti hanno intenzione di schierare una seconda monoposto, ma ci sono problematiche legate alle forniture dei motori”.

Uno spiraglio però a quanto pare c’è: “A St. Petersburg ho conosciuto una persona molto appassionata di automobilismo che già sponsorizza il team Herta. Ci siamo piaciuti a vicenda e sono proseguiti gli incontri mirati a verificare la possibilità di essere al via in tempi brevi. Credo che il mio futuro sia qui, quindi devo essere sul posto, frequentare il paddock e conoscere chi opera sul campo”.

Le possibilità di salire in sella, in tempi brevi, ci sono. Ora si tratta solo attendere gli eventi: “Le cose si stanno muovendo in direzioni positive, andando onestamente oltre le mie aspettative. Le squadre sanno che sono un professionista ma conoscono anche la mia impossibilità a portare contributi finanziari”.

Tutto chiaro per il 33enne, il quale non si fa problemi nemmeno davanti al fatto che inizierebbe la stagione senza nemmeno un chilometro di test sul groppone: “Le macchine del 2012 hanno solo del carico aerodinamico in più, per il resto il feeling è lo stesso di quelle dello scorso anno”.

Che almeno un pilota nostrano, sebbene non sia Formula Uno, è comunque un risultato che in molti auspicano vista l’attuale penuria.


Altre notizie - Indy / USA
Altre notizie
 

SAMURAI E KAMIKAZE

I rumors circa l'uscita di Alonso dalla Ferrari e il contestuale arrivo di Vettel hanno tenuto banco prima del dramma Jules Bianchi. Proponiamo a seguire l'opinione molto autorevole del giornalista Marco Mensurati, fine penna de La Repubblica per la Formula 1 e non solo. ...

LE PAGELLE DEL GP DI RUSSIA A SOCHI

Lewis Hamilton vince anche il Gran premio di Russia, davanti a Nico Rosberg e Valtteri Bottas Una gara pressochè...

FLOW-VIZ, I SEGRETI DELLA VERNICE FLUORESCENTE

Spesso, durante i weekend di gara, vediamo della vernice fluorescente sulle macchine di F1 e ci chiediamo cosa sia. Questa...

GOLDEN BRIDGE AUTOMATIC TITANIO: UNA LEGGENDA IN MOVIMENTO

Contrasti, trasparenze e meccanica d'eccezione si danno appuntamento in questa nuova interpretazione di un modello...

TRULLI E CERRUTI: UN GRANDE VIDEO SU WIRED.IT

Un bel video che racconta l'avventura del team Trulli e un bell'articolo, firmato da Giorgio Terruzzi. Meno...

VIRTUAL VOLVO OCEAN RACE, È COME UNA REGATA VERA, MA LA PUOI FARE DA CASA

La Volvo Ocean Race è il giro del mondo a vela in equipaggio per eccellenza e la Virtual Regatta collegata è la...

IL SOUND DEL NUOVO MOTORE HONDA CHE PUNTA A BATTERE MERCEDES

In un video appena diffuso dal grandissimo costruttore nipponico, ecco il sound della nuova power unit che si prepara a...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 31 Ottobre 2014.
   Editore: Alex D'Agosta Norme sulla privacy   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.