theracingtribune.it
Venerdì 1 Agosto 2014
FORMULA 1
RIUSCIRÀ MARQUEZ HA CONQUISTARE IL MONDIALE MOTOGP A MOTEGI?
  
  

Daily Network
© 2014
FORMULA 1

Patto della Concordia 2013: chi si e chi no

Ok Ferrari, McLaren e Red Bull. Fuori Mercedes e Williams. Ecclestone "Accordo ufficializzato"

30.03.2012 10:15 di Renato Chieppa  articolo letto 304 volte
Domenicali ed Ecclestone: due facce felici del Patto 2013
Domenicali ed Ecclestone: due facce felici del Patto 2013

Il rinnovo è fatto. A Sepang il nuovo Patto della Concordia, cioè l’accordo che regola gli introiti economici per i team della Formula Uno, è stato firmato. Non da tutti (ovviamente), soltanto da chi ha avuto il suo tornaconto, in primis Ferrari, McLaren e Red Bull.

Bernie Ecclestone ha ufficializzato la conclusione della telenovela con queste poche righe: “Sono contento di poter annunciare che abbiamo raggiunto un accordo commerciale con la maggioranza dei team, compresi Ferrari, McLaren e Red Bull, sui termini con cui questi continueranno a competere in F1 dopo la scadenza dell' attuale accordo”.

Pertanto, fino al 2020, i tre top team, più Toro Rosso e Sauber, hanno dato il loro placet a ciò che andrà in vigore dal primo gennaio 2013. E le altre? Escluse Mercedes e Williams, le quali hanno detto no: entrambe le scuderie sono state penalizzate dall’aver cambiato denominazione, però, volenti o nolenti (soprattutto), dovranno ingoiare il rospo. Lotus e Force India ci stanno”, mentre HRT, Marussia e Caterham potrebbero rimanere fuori (condizionale d'obbligo, però alla fine daranno l'ok). Quest’ultima, per bocca del suo team principal Tony Fernandes, ha però ammesso: “Penso che finché non ne sapremo di più, è stupido essere contrari”.

A Maranello intanto si gioisce più degli altri per quanto ottenuto: il successo politico porterà infatti più soldi (50 milioni di euro dicono i rumors), la terza macchina e, chissà quando, anche la quotazione in borsa. Pure a Woking e Milton Keynes si brinda, ma non come in Emilia.

Strano il silenzio della FIA. Il massimo organo costituzionale è stato (per ora) tenuto in disparte. Jean Todt attende sornione il verificarsi degli eventi, sebbene il suo depauperamento a favore della F1 Commission non lo faccia dormire tranquillo. Intanto Jean-Louis Moncet dalle pagine di Auto Plus rincara: “La FIA e Jean Todt hanno indicato che l’accordo è ancora oggetto di discussioni di cui la FIA sta prendendo parte. Siccome si tratta di argomenti molto complessi, è meglio non speculare “. Però si sa, di un arbitro c’è bisogno per regolamento…


Altre notizie - Formula 1
Altre notizie
 

LA F1 NON È LA REPUBBLICA DELLE BANANE. E LA FERRARI PIANGE AMARO

Solo tre gare e già la situazione sembra compromessa anche per il 2014, perfino peggio rispetto agli inizi degli ultimi anni, quando la Red Bull, presto o tardi, prendeva il largo.  La primavera è purtroppo infatti già amara come i risultati delle ros...

MINARDI: "COSA NASCONDE IL CAPPELLO MAGICO DI VETTEL E NEWEY?"

Aspettando di vivere il Gran Premio di Korea, quattordicesima tappa del Mondiale di Formula 1, voglio tornare con la mente e...

IL RECORD VELOCISTICO È A SHANGHAI, NONOSTANTE L'ACQUA

 Nel corso delle qualifiche per il GP di Cina, sabato scorso, Valtteri Bottas ha raggiunto con la sua Williams...

GTI ROADSTER, LA REALTÀ NON È PIÙ VIRTUALE

Wörthersee, Austria - La fantasia diventa realtà. Succede al Wörthersee 2014, all’ormai celebre raduno GTI che si...

A PECHINO L'ANTEPRIMA MONDIALE LEXUS NX

Lexus svelerà al prossimo Salone di Pechino il nuovo crossover NX Hybrid.  Sviluppato sul concept LF-NX, NX...

IL MUSEO FERRARI INAUGURA LE NUOVE STRUTTURE

Il prossimo 11 aprile verranno inaugurate a Maranello le nuove strutture per l’accoglienza turistica, del piazzale...

MAST WALK, UNA NUOVA MANIA?

Come non ammirare Alex Thomson, provetto navigatore oceanico, sia per la trovata che per la realizzazione? Insomma, la...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 1 Agosto 2014.
   Editore: Alex D'Agosta Norme sulla privacy