Mugello, Hamilton vuole esserci

"Devo capire perché le gomme sono andate così male e voglio esserlo il primo a farlo"
 di Renato Chieppa  articolo letto 597 volte
Lewis Hamilton, al Mugello studierà in prima persona i problemi della sua MP4-27
Lewis Hamilton, al Mugello studierà in prima persona i problemi della sua  MP4-27

L’ottavo posto rimediato in Bahrain non è andato giù a Lewis Hamilton il quale, per “colpa” di Sebastian Vettel ha anche perso la leadership nella classifica piloti.

Il poco fruttuoso weekend arabo ha infatti avuto delle ripercussioni sull’ex campione del mondo il quale, soprattutto per comprendere il perché di un degrado così eccessivo delle gomme, ha deciso di essere presente al Mugello.

La McLaren, tempo fa, aveva infatti annunciato che ai prossimi test ufficiali, in programma sul circuito toscano dall’1 al 3 maggio, avrebbe mandato in pista i due test driver, Gary Paffett e Oliver Turvey, per collaudare le novità tecniche della MP4-27. Invece, a quanto pare, il flop di Sakhir potrebbe aver rivoluzionato il programma.

A tal proposito lo stesso Hamilton nelle scorse ore avrebbe dichiarato: “Il programma per il Mugello potrebbe cambiare. Ho bisogno di tornare in macchina e capire perché le gomme si sono deteriorate così in fretta. Se ci sono altre cose da testare o i modi per capirlo, voglio essere io il primo, e non lascerò che sia qualcun altro a farlo al posto mio”.

Di sicuro salterà il Mugello Jenson Button, il quale sarà impegnato in un evento promozionale in Ungheria.