Eurobike: con l'elettrico la salita non spaventa più

 di Sara Queirolo  articolo letto 102 volte
Eurobike: con l'elettrico la salita non spaventa più

La storia di Eurobike sul Lago di Costanza è iniziata 25 anni fa soprattutto come fiera dedicata alle mountain bike. Da allora Eurobike è cresciuta sino a diventare il punto di riferimento per il mercato globale della bicicletta. La specialità mountain bike non è solo un importante segmento di mercato, è anche la molla principale per lo sviluppo di nuove tecnologie. Lo dimostra anche la prossima edizione della fiera che si terrà dal 31 agosto al 4 settembre 2016, dove saranno presentate le novità per il 2017. Quest'anno il programma dei due Festival Day prevede non solo l'aspetto espositivo ma sarà anche possibile effettuare prove sui nuovi modelli di bici. 

Eurobike 1991: L'Europa è contagiata dalla febbre da mountain bike. La nuova tendenza era arrivata solo pochi anni prima in Europa dall'America e il giovane segmento delle mountain bike ottenne con la nuova fiera al Lago di Costanza per la prima volta un punto d'incontro europeo. Negli ultimi 25 anni, la disciplina del mountain biking sostanzialmente non è cambiata: si percorrono sentieri di montagna sia in salita che in discesa. Se per esempio 25 anni fa un percorso di 40 chilometri era considerato lungo, oggi si attraversano le Alpi in escursioni di più giorni. Alcuni dei trail oggi considerati facili, i pionieri dello sport del mountain biking 25 anni fa li avrebbero affrontati con la bici in spalla. La ragione di questo sviluppo è da attribuire in parte anche all'evoluzione della tecnologia, che ha spostato di anno in anno il limite del possibile con il perfezionamento dei sistemi delle sospensioni, dei freni, delle ruote e dei cambi. 

Per il model year 2017 che i costruttori presenteranno in anteprima in occasione dell'Eurobike, saranno ancora una volta in prima linea i cambi elettronici. La tecnologia non è un fenomeno nuovo all'interno del mercato della bicicletta. Nel segmento delle biciclette da corsa, i ciclisti trasmettono da un po' di tempo a questa parte l'impulso di cambio marcia tramite un cavo elettronico o addirittura completamente wireless. Anche nel segmento delle mountain bike è disponibile da quest'anno il gruppo XTR di Shimano, un cambio di marcia elettronica di altissimo livello per mountain biker. Di particolare interesse per il 2017 è il fatto che l'azienda introdurrà questa tecnologia anche in fasce di prezzo molto più accessibili. Anche se il gruppo XT all'interno della 'gerarchia' Shimano appartiene ancora alla fascia di prezzo alta, costa solo circa la metà dell'esclusivo gruppo XTR.